Elezioni concluse: proclamazione definitiva dei risultati e degli eletti

Elezioni concluse: proclamazione definitiva dei risultati e degli eletti

Non essendo pervenuti reclami o ricorsi contro i risultati elettorali, entro il termine fissato dal regolamento elettorale e scaduto il 18 aprile,  oggi l’iter si completa con la proclamazione definitiva degli eletti.

Per conoscere l’esito finale delle elezioni consortili e verificare i nomi dei candidati che andranno a comporre la parte elettiva dell’assemblea di ciascun ente, ti invitiamo a consultare il verbale predisposto, in base al regolamento elettorale, dall’ufficio elettorale temporaneo, cliccando sul nome del Consorzio di interesse.

CONSORZIO DI BONIFICA 1 TOSCANA NORD

CONSORZIO DI BONIFICA 2 ALTO VALDARNO

CONSORZIO DI BONIFICA 3 MEDIO VALDARNO

CONSORZIO DI BONIFICA 4 BASSO VALDARNO

CONSORZIO DI BONIFICA 5 TOSCANA COSTA

CONSORZIO DI BONIFICA 6 TOSCANA SUD

Reclami: stop entro il 18 aprile

Scadono il 18 aprile 2019 i termini per la presentazione dei reclami contro le operazioni di voto e la proclamazione degli eletti che andranno a comporre le future assemblee consortili.

Dieci giorni di tempo: è questo il periodo concesso dal regolamento elettorale.

Il countdown è iniziato a partire  dal momento in cui, chiuse le urne e scrutinate le schede, gli uffici elettorali temporanei dei Consorzi toscani hanno annunciato i nominativi dei candidati che hanno registrato il maggior numero di preferenze, all’interno delle tre sezioni in cui, per legge, sono suddivisi (in base all’entità del contributo di bonifica versato) i votanti.

I reclami dovranno essere presentati agli uffici elettorali temporanei che, per esaminarli e valutarli, avranno tempo fino al 22 aprile.

In assenza di reclami tali uffici potranno procedere con la proclamazione ufficiale degli eletti: saranno loro i futuri amministratori dei Consorzi toscani!

Concluse le operazioni di scrutinio, proclamati gli eletti: ecco le nuove assemblee

In Toscana sono state elette le nuove assemblee.

Concluse le operazioni di scrutinio delle schede, gli uffici elettorali temporanei dei Consorzi di Bonifica della Toscana hanno provveduto alla proclamazione degli eletti.

Adesso ci sono dieci giorni di tempo per la presentazione di eventuali reclami o ricorsi contro le operazioni di voto e la proclamazione degli eletti.

Entro quindici giorni dalla proclamazione, ogni Consorzio provvederà alla conferma degli stessi e dei risultati elettorali usciti dalle urne.

Dopo saranno convocate le nuove assemblee che, tra i loro compito, hanno quello di eleggere i nuovi Presidenti, destinati a rimanere in carica per cinque anni.

Per conoscere la composizione dell’Assemblea del tuo Consorzio di Bonifica clicca sul nome dell’ente.

CONSORZIO 1 TOSCANA NORD

CONSORZIO 2 ALTO VALDARNO

CONSORZIO 3 MEDIO VALDARNO

CONSORZIO 4 BASSO VALDARNO

CONSORZIO 5 TOSCANA COSTA

CONSORZIO 6 TOSCANA SUD

Concluse le elezioni: domani le nomine ufficiali degli eletti

Firenze, 7 aprile 2019 – Si sono concluse stamani le operazioni di spoglio delle schede relative alle
votazioni dei Consorzi di Bonifica della Toscana. Le votazioni si sono svolte in questa settimana, dal
2 al 6 aprile in quasi tutti i Consorzi, ad eccezione del Consorzio 1 Toscana Nord, dove si è votato
solo il 5 e il 6 aprile.
Le operazioni di voto si sono concluse positivamente e regolarmente. Confermato il trend che vede
da tempo un numero limitato di consorziati partecipare al voto, anche se in maniera diversificata da
una zona all’altra e con numeri maggiori là dove si erano presentate più liste in competizione fra
loro. In tutto hanno votato 21.044 persone.
Contenuti al massimo, per scelta dei Consorzi e di Anbi Toscana (anche in base alle linee guida della
Regione), i costi delle elezioni, che sono stati in tutto pari a circa 300mila euro (pari a un quinto del
costo delle passate elezioni 2013), comprensivi del pagamento dei dipendenti addetti al
funzionamento dei seggi e dell’acquisto del software per la gestione associata, che ha permesso
importanti risparmi rispetto alle singole gestioni delle elezioni degli anni passati. Sempre per motivi
di risparmio non è stata inviata (come era invece avvenuto nelle passate elezioni) la lettera
personalizzata a ogni consorziato che sarebbe costata 800mila euro aggiuntivi. Questo anche perché
questa volta era possibile, per ciascun consorziato, votare in qualsiasi sede di seggio, nell’ambito del
proprio comprensorio, e non era quindi necessario comunicargli dove andare a votare. I consorziati
sono stati avvisati capillarmente attraverso il bollettino, con campagne social e stampa portate
avanti dai singoli consorzi e da Anbi Toscana, attraverso i canali informativi di tutti i Comuni coinvolti
(siti internet, newsletter, profili facebook, messaggistica whatsapp e telegram) e con la App
Cittadino Informato.
Domani, dopo le verifiche e le procedure del caso, verranno proclamati i membri eletti nelle
assemblee dei 6 Consorzi.
Le elezioni permettono di eleggere l’assemblea, organo fondamentale del Consorzio, che serve ad
approvare gli atti fondamentali dell’ente (statuto, piano di classifica, piano delle attività di bonifica,
bilanci, regolamenti interni), elegge il presidente e vigila sul suo operato. L’assemblea è composta
da 28 membri, di cui 15 (ovvero il 53%) eletti con le elezioni consortili e 13 nominati da enti pubblici.
Ai membri dell’assemblea non spetta alcun compenso.
Info sul sito http://bonificalvoto.toscana.it

Domani ultimo giorno per eleggere le nuove assemblee consortili: la mappa dei seggi aperti

Ancora due giorni di voto in Toscana per rinnovare la governance dei Consorzi di Bonifica della regione.

Tanti i seggi aperti sul territorio oggi e ancora di più domani,  6 aprile, quando, scatta l’election day e le sedi dove è possibile esprimere una preferenza si moltiplicano: un modo per offrire ai consorziati l’opportunità di partecipare al voto e, con esso, alla scelta della futura assemblea e, a seguire, del nuovo Presidente che guiderà ogni ente fino al 2024.

Per vedere la mappa dei seggi aperti DOMANI 6 APRILE  basta cliccare sul consorzio corrispondente.

CONSORZIO 1 TOSCANA NORD

CONSORZIO 2 ALTO VALDARNO

CONSORZIO 3 MEDIO VALDARNO

CONSORZIO 4 BASSO VALDARNO

CONSORZIO 5 TOSCANA COSTA

CONSORZIO 6 TOSCANA SUD

Elezioni consortili: ancora due giorni per scegliere l’assemblea

Anche due giorni di voto nei seggi allestiti dai Consorzi di Bonifica della Toscana sul territorio di competenza.

Venerdi e sabato sarà possibile scegliere i componenti delle assemblee consortili dalle ore 09:00 alle ore 19:00 in molti comuni della regione.

Per consultare la distribuzione dei seggi aperti domani 5 aprile 2019, basta cliccare sul nome del Consorzio di interesse.

CONSORZIO 1 TOSCANA NORD

CONSORZIO 2 ALTO VALDARNO

CONSORZIO 3 MEDIO VALDARNO

CONSORZIO 4 BASSO VALDARNO

CONSORZIO 5 TOSCANA COSTA

CONSORZIO 6 TOSCANA SUD

 

Elezioni consortili: ecco i seggi aperti domani

In Toscana proseguono le elezioni  per scegliere i 15 membri elettivi dell’Assemblea di ogni Consorzio di Bonifica.

Le urne si sono aperte per la prima volta martedi 2 aprile e si chiuderanno definitivamente sabato 6 aprile.

Tanti quindi i giorni a disposizione per scegliere gli amministratori che guideranno gli enti deputati alla difesa idraulica del territorio.

Per la prima volta inoltre i proprietari di immobili potranno votare in uno qualsiasi dei seggi allestiti dal Consorzio di Bonifica del loro comprensorio.

Per consultare i seggi aperti domani consultare l’elenco dell’ente di appartenenza.

CONSORZIO 1 TOSCANA NORD

CONSORZIO 2 ALTO VALDARNO

CONSORZIO 3 MEDIO VALDARNO

CONSORZIO 4 BASSO VALDARNO

CONSORZIO 5 TOSCANA COSTA

CONSORZIO 6 TOSCANA SUD

 

 

Le elezioni consortili continuano domani. Ecco tutti i seggi aperti il 3 aprile

Le elezioni consortili decollate ieri in gran parte della Toscana (è escluso il Consorzio 1 Toscana Nord, dove si voterà il 5 e il 6 aprile) proseguono domani.

Per agevolare la partecipazione, il sistema della bonifica ha prolungato la durata delle votazioni e ha esteso la possibilità di voto, visto che i consorziati potranno votare in uno qualsiasi dei seggi istituiti nel comprensorio e non necessariamente nel comune in cui insiste il bene di proprietà.

Chi vota domani 3 aprile 2019, può  consultare l’elenco e l’ubicazione dei seggi aperti  da ogni Consorzio sul territorio di competenza, cliccando sul nome dell’ente

CONSORZIO 1 TOSCANA NORD

CONSORZIO 2 ALTO VALDARNO

CONSORZIO 3 MEDIO VALDARNO

CONSORZIO 4 BASSO VALDARNO

CONSORZIO 5 TOSCANA COSTA

CONSORZIO 6 TOSCANA SUD

Da oggi in Toscana si vota per il rinnovo della governance dei Consorzi di Bonifica: ecco i seggi aperti

Sono iniziate oggi in tutta la Toscana le elezioni per il rinnovo delle Assemblee consortili,che amministreranno dal 2019 al 2024, i sei enti ai quali la Regione ha affidato la difesa idraulica del territorio.

Numerosi i seggi che, alle ore 09:00 in punto, si sono aperti in tanti comuni all’interno di ciascun comprensorio.

Grazie all’introduzione di un database unico, infatti, i proprietari degli  immobili di ogni Consorzio potranno votare in uno qualunque dei seggi allestiti dall’ente, indipendentemente dal comune in cui ricade il bene.

Questa comodità, unita alla durata delle elezioni, che si protrarranno fino a sabato 6 aprile, dovrebbe incoraggiare la partecipazione degli aventi diritto a partecipare alla votazione e a scegliere le persone a cui affidare la conduzione del sistema della bonifica toscano.

Per chi intende votare oggi ecco la mappa dei seggi aperti: cliccando sul nome del consorzio di appartenenza sarà possibile scoprire la sede di voto più vicina, che rimarrà a disposizione fino alle ore 19:00

CONSORZIO 1 TOSCANA NORD

CONSORZIO 2 ALTO VALDARNO

CONSORZIO 3 MEDIO VALDARNO

CONSORZIO 4 BASSO VALDARNO

CONSORZIO 5 TOSCANA COSTA

CONSORZIO 6 TOSCANA SUD

Prima del voto: ecco cosa hanno fatto in cinque anni i consorzi di bonifica toscani

Oltre 215.600.000 euro di interventi di manutenzione ordinaria in cinque anni. Tanto grande è stato l’investimento in sicurezza idraulica realizzato dai Consorzi della Toscana che, con le risorse ricavate dal contributo di bonifica, hanno realizzato sfalci, tagli selettivi della vegetazione in alveo e lungo le sponde dei corsi d’acqua, piccole riparazioni alle opere idrauliche, rimozione di sedimenti e barre che riducono la sezione dei fiumi e rallentano lo scorrimento delle acque. In cinque anni, oltre 51.000 km di reticolo di gestione è stato passato “sotto i ferri”. Sono quasi 90 i milioni di euro spesi nello stesso periodo per garantire la vigilanza e la rimozione di eventuali situazioni improvvise e impreviste di pericolo o criticità.
Questi alcuni dei numeri illustrati dal Presidente di ANBI Toscana Marco Bottino che, questa mattina, insieme all’assessore all’ambiente della Regione Toscana Federica Fratoni e all’ing. Giovanni Massini, Direttore del settore difesa del suolo e protezione civile della Regione, hanno tirato le somme sotto cinque anni di attività del sistema della bonifica, a cinque anni di distanza dall’introduzione della LR 79/2012 che ne ha modificato organizzazione e competenze.
«La manutenzione dei corsi d’acqua toscani è migliorata molto in questi anni ed è sotto gli occhi di tutti – ha osservato l’assessore regionale Federica Fratoni – . Il processo di riforma, una delle vere rivoluzioni di questa Regione, continua perché la sicurezza dei fiumi non solo garantisce il miglior regime delle acque, ma rappresenta anche un miglioramento del territorio, nel rispetto del paesaggio. La Regione Toscana ha fatto un’ultima modifica alla legge 79 per rendere i Consorzi di bonifica ancora più efficaci e al passo con i tempi con il duplice scopo di aumentare il numero dei lavori e ridurre i costi delle attività non strettamente finalizzate ai lavori stessi, anche alla luce delle nuove sfide poste dai continui cambiamenti climatici.
La Regione Toscana ha dettato precisi indirizzi ai Consorzi e stabilito insieme al personale tecnico consortile e con la supervisione degli uffici territoriali, le priorità di intervento e le caratteristiche operative da utilizzare per garantire anche per quest’anno tutte le attività previste nei Piani annuali, in modo da rispettare le corrette tempistiche nonché l’omogenea diffusione degli interventi.
Ai lavori di manutenzione ordinaria, finanziati grazie alla contribuenza dei consorziati, pari complessivamente a circa 65 milioni di euro, si aggiungono le opere finanziate da risorse regionali destinate agli interventi manutentivi sui corsi d’acqua principali, per un importo di oltre 20 milioni da impegnare nel triennio 2019-2021 (6 milioni e 740 mila euro ciascun anno).
«Uno sforzo economico ingente – ha osservato l’assessore all’ambiente Federica Fratoni – che solo nel 2019 mette in gioco risorse complessive pari a circa 72 milioni di euro, i 65 milioni della contribuenza più i 6 milioni e 750mila euro regionali, costituendo sicuramente uno strumento importantissimo per la risoluzione di singole criticità locali. Soprattutto è l’asse portante di un disegno di razionalizzazione e diminuzione del rischio idraulico, che mantiene alto e costante nel tempo l’obiettivo della cura capillare del territorio.
Tutti gli interventi di manutenzione, che verranno eseguiti nel corso del 2019 dai Consorzi di bonifica, saranno visibili durante il loro sviluppo cronologico, grazie a un apposito portale web (l’accesso sarà pubblico e semplice nelle procedure) all’interno della pagina del sito istituzionale.

I PRESIDENTI E I DIRETTORI GENERALI DEI CONSORZI TOSCANI CON L’ASSESSORE ALL’AMBIENTE DELLA REGIONE TOSCANA FEDERICA FRATONI